+39 055 580798

  • Italiano

Pienza tutte le sue Forme

Pienza tutte le sue Forme

Pienza è un piccolo borgo nel sud della Toscana che deve essere assolutamente visitato. È il centro più famoso e di maggiore importanza artistica della famosa Val d’Orcia conosciuta per l’arte, il paesaggio ed il cibo.

Visitare Pienza è obbligatorio sia per il valore artistico e paesaggistico del borgo sia per le sue eccellenze enogastronomiche. Oltre ad essere stata definita la città ideale da Papa Pio II durante l’era Rinascimentale, Pienza è infatti anche la città del Pecorino, del “Cacio”, formaggio molto saporito fatto con latte di pecora.
Molto conosciuto e davvero squisito.

Un po’ di storia

Pienza è famosa in tutto il mondo come la città “ideale” del Rinascimento, voluta da Enea Silvio Piccolomini (diventato poi Papa Pio II) originario di questo piccolo villaggio che volle trasformare il suo luogo nativo come una città perfetta che incarnasse i principi e la filosofia dell’età classica e rinascimentale.

Sotto la sua guida è diventata la città che conosciamo oggi: un complesso di bellissimi ed eleganti palazzi con la trapezoidale Piazza Pio II e Cattedrale, ed i pittoreschi e suggestivi vicoli, scorci, che fanno innamorare. All’interno della città inoltre esistono una serie di direzioni, vie, presso le quali vengono scattate fotografie dai turisti a causa dei loro nomi particolari come Via dell’Amore e Via del Bacio.

Il Pecorino di Pienza

Il Pecorino di Pienza è un formaggio unico dal sapore irripetibile. Questa prelibatezza era ricercata persino da Lorenzo il Magnifico che si recava direttamente qua per degustarlo.

Alcune delle peculiarità fondamentali di questo formaggio sono i terreni argillosi dei pascoli dove viene e veniva prodotto il formaggio ed il latte di pecora sarda, poiché in passato i contadini della Sardegna si trasferirono in Toscana con le proprie pecore per tramandare le abilità artigianali.

Un pecorino che si distingue dagli altri per la sua varietà di sapori: forte se le pecore sono state nutrite a base di erbe selvatiche e delicato se invece vengono cresciute a cereali. Il prezzo medio si aggira sui 20 euro a forma, ma quel che conta davvero è che questo pecorino ti sorprende sempre.

Produttori tradizionali

Tra i produttori che da più tempo si dedicano al pecorino di Pienza c’è il Podere Il Casale, un agriturismo convertito al biologico che propone anche corsi di cucina.

Qua è possibile effettuare una visita guidata che dura 45 minuti dove è possibile vedere cosa significa vivere una vita contadina in quel di Val D’orcia. Il tour nel caseificio servirà ad imparare i segreti e la nascita del Pecorino e delle sue tipologie. A termine di questo verrà offerto un tagliere a base di formaggi a latte crudo ed un calice di vino.

Un secondo produttore storico è il Caseificio Cugusi Silvana che va avanti dal 1962 quando i coniugi Cugusi si trasferirono direttamente dalla Sardegna per tramandare le tecniche di lavorazione casearia. Questa fattoria oltre alle prelibatezze prodotte, garantisce alcune delle più belle vedute sulla vallata per cui una visita qua è tappa obbligatoria.

Presso il Caseificio è possibile effettuare una visita guidata all’interno del laboratorio di produzione e stagionatura per seguire i vari passaggi di lavorazione. Infine, verrà offerta una degustazione di cinque tipologie di pecorino e ricotta in abbinamento a marmellata e miele locale.

Un altro luogo fondamentale del Pecorino di Pienza e per cui vale la pena andare, è l’Enoteca Marusco e Maria. Questo negozio si trova in pieno centro storico ed offre una vendita al dettaglio delle più disparate forme e tipologie di Pecorino.

Non rappresenta il solito negozio di vendita perché qua si trovano dei sapori veri ed un tour, se richiesto, anche all’interno delle loro cantine presso le quali è possibile assistere all’affinamento del formaggio e terminare con un pranzo a menù fisso di tre portate. Per maggiori informazioni contattare direttamente.

Se vuoi saperne di più su Pienza, Val d’Orcia e dei vari tour da effettuare, il nostro sito Enjoing propone altri due articoli da leggere come questo su cosa fare e vedere in un giorno, e questo che include un tour del formaggio con relative ricette.


Lascia un commento e condividi l’articolo se lo hai trovato interessante, e contattaci qualora avessi bisogno di maggiori informazioni circa i vari programmi da effettuare.

 

per inviare un commento