+39 055 580798

  • Italiano

Come tenersi allenati anche a casa: Corpo e Mente

Allenare la mente

Come tenersi allenati anche a casa: Corpo e Mente

Tenere la mente allenata è utile per vincere le sfide competitive che questo periodo particolare ci sta facendo affrontare!

Anche se adesso siamo tutti a casa, allenare la mente in maniera metodica e costante è fondamentale per raggiungere gli obiettivi prefissati nel medio termine e nel lungo periodo. Non è un caso se al giorno d’oggi sono sempre più gli sportivi che oltre ad allenare il fisico, danno sempre più importanza alla mente. La figura del mental coach in quest’ambito ha assunto un ruolo cruciale, perché aiuta l’atleta a tenere alta l’asticella degli obiettivi, motivandolo giorno dopo giorno, affinché sia sempre concentrato sul percorso da seguire, senza mai abbassare la soglia dell’attenzione. Allenare la mente vuol dire promuovere tutta una serie di attività, in grado di favorire il benessere e l’invecchiamento attivo, oltre che potenziare la propria memoria.

Migliorare tra le altre cose anche la memoria è davvero cruciale, soprattutto se tieni conto del fatto che le aspettative di vita della società contemporanea si sono decisamente allungate. In quest’ottica, la conduzione di uno stile di vita sano e dinamico, basato su un’alimentazione genuina e su tanto esercizio fisico che si può fare anche a casa, aiutano di certo anche le abilità mentali. D’altronde, “Mens sana in corpore sano”, la locuzione latina tratta da Giovenale, è sempre attuale.

Allenamento costante stimola la plasticità mentale

È sempre più importante, soprattutto in questi giorni, la ricerca di concreti miglioramenti alle prestazioni cognitive attraverso un allenamento focalizzato su capacità mentali come memoria, creatività, flessibilità intellettiva e attenzione. Oltre a tutta una serie di classici esercizi da svolgere con penna e carta, ve ne sono altri da effettuare interamente al computer. Solo in questo modo, lo staff potrà vederci chiaro su dove insistere maggiormente per affinare le capacità mentali del diretto interessato.

Il piano di allenamento mentale è su misura

Ogni persona ha abilità mentali uniche e diverse dagli altri individui. È bene che ogni esercizio sia personalizzato sulla base del talento innato di ogni partecipante.

Tra i più comuni, vale la pena segnalare:

  1. Esercizi di visualizzazione mentale

Nel nostro piano di allenamento mentale, siamo soliti prendere oggetti di utilizzo comune e farli osservare da un’altra prospettiva. Magari mettendoli al contrario. I partecipanti sono sì in grado di riconoscere l’oggetto ricorrendo al classico pattern di colore e forme che lo vanno ad individuare. Tuttavia, noteranno che l’oggetto è in relazione con l’ambiente circostante in maniera assolutamente diversa. Emergono così dei dettagli nuovi, su cui, però, nessuno si era mai focalizzato in precedenza.

Gli esercizi di problem solving e di brainstorming, oltre a costituire un eccellente stimolo per la memoria, aiutano notevolmente a tirar fuori la vena creativa che, bene o male, c’è in ognuno di noi.

Si può prendere, come esempio, un problema di natura quotidiana, quale può essere l’apertura di una bottiglia di vino e iniziare ad indicare le diverse modalità di apertura, partendo dalle più comuni: una volta tolti il cavatappi, ci si può inventare una miriade di soluzioni.

Anche metodologie irreali, dove mancano i vincoli logici. Nell’esempio citato, potremmo far riferimento all’invio della bottiglia nell’ipotetico mondo dell’anno 3232, dove già esiste la telecinesi.

Quella che viene fuori è nota come sospensione dell’incredulità e aiuta a stimolare la mente.

Conditio sine qua non per tenere la mente ben allenata è che il cervello sia in grado di comprendere alla perfezione il metodo assegnato. In caso contrario, il numero di soluzioni trovate sarà a dir poco esiguo. Scopro primario di una seduta di brainstorming, in questo caso, non è quello di indicare metodi alternativi inerenti all’apertura di una bottiglia di vino, ma di concentrarsi sulla soppressione temporanea del proprio spirito critico, al fine di trovare quante più soluzioni possibili. Chiaramente, facendo riferimento al maggior numero di immagini cerebrali che si è stati in grado di rievocare.

  1. Esercizi della vista

La vista è un senso che va stimolato, ma in modo radicalmente diverso dal solito. Il motivo? Spesso viene utilizzata male. Ergo, nei nostri corsi aiutiamo a far vedere le cose sotto una prospettiva diametralmente opposta rispetto a quella indicata nei canoni tradizionali.

  1. Esercizi volti a rievocare contenuti positivi in termini emotivi

È cosa alquanto chiara che in molti riescono a tirar fuori il meglio di loro quando sono rilassati o quando pensano a bei ricordi, vissuti in prima persona.

Trattasi di un esercizio assai completo e mirato a stimolare più o meno tutte le aree della memoria, dalla concentrazione alla creatività. Memorizzare, infatti, è cosa assai differente dal ricordare: se con il primo processo si va ad immagazzinare delle informazioni nella propria memoria, nella seconda situazione, invece, si va a ripescare sensazioni emotive, dopo averle già memorizzate. Questo vuol dire che il ricordo è una forma di pensiero differente dal ragionamento, prettamente logico e razionale. L’aspetto emotivo è quello coinvolto in prima persona.

Non a caso, nel ragionamento a giocare un ruolo rilevante è la prevalentemente verbalizzazione. Nel ricordo, di converse, una menzione speciale la merita di certo la visualizzazione. Quindi, in linea di massima è possibile asserire che si ragiona puntando quasi tutto sulle parole, mentre si ricorda più facilmente con le immagini.

Con gli esercizi mentali che ti proponiamo nel nostro piano di allenamento, la vera sfida consisterà nel portare la visualizzazione nel ragionamento. In questo modo, la mente avrà molta più benzina.

I nostri giochi mentali, basati sui numeri o sulla lettura veloce del testo, si dimostrano utilissimi, assicurando al cervello un vero e proprio massaggio rigeneratore. Si tratta di indovinelli visuali che, come dei veri e propri problemi, possono essere risolti solo se si è abili strateghi, pianificando con ordine e con metodo tutta una serie di azioni e visualizzando con estrema precisione cosa accade a fronte di scenari alternativi.

Conclusioni

Usare al meglio le capacità mentali di cui si dispone è l’obiettivo primario di questi giorni. Segui questi esempi per un percorso di allenamento per corpo e mente, spezzando la monotonia con cui interpreta ed interagisce con il mondo reale, aumenterà il livello di attivazione mediante il ricorso a nuovi punti di vista, mai presi precedentemente in considerazione.

Con il nostro piano di esercizi, volto a tenere allenata la mente, si ritrova quella spinta necessaria per perseguire gli obiettivi e maggiore fiducia nella propria persona.

Il bello? Dare alle esperienze e alle cose contenuti emotivi sempre più piacevoli non sarà affatto un miraggio!

per inviare un commento