+39 055 580798

  • Italiano
  • Inglese

Blog

San Galgano, l’Abbazia medioevale che toglie il fiato

In Toscana, vicino a Siena si trovano le rovine di un’abbazia meravigliosa, che lascia senza fiato, si tratta dell’Abbazia di San Galgano. Questa struttura è di maestosa bellezza e noi di Enjoing ti consigliamo di visitarla per scoprirla nei minimi dettagli. Intanto però ti raccontiamo tutto quello che devi sapere riguardo la sua storia e curiosità, (se ti interessa la zona di Siena e della Val D’Orcia, leggi qui).

L’Abbazia di San Galgano

L’Abbazia è un edificio cistercense, che si può collocare a 30 chilometri da Siena, all’interno del comune di Chiusdino. La struttura al giorno d’oggi è del tutto in rovina, è composta da solo le mura, e rappresenta una destinazione molto frequentata dai turisti.  L’Abbazia è priva di tetto, e l’intera struttura architettonica, assomiglia, in particolare dal punto di vista estetico al Complesso della Santissima Trinità, chiamata anche Incompiuta di Venosa (Potenza). Il tetto dell’edificio cadde nel 1786 in seguito ad un fulmine che andò a scontrarsi proprio contro il campanile dell’Abbazia, dopo venne sconsacrata e fu resa celebre soltanto nel 1926 quando lo stato italiano la pose sotto tutela per l’immenso valore culturale e artistico che rappresenta.

L’Abbazia cistercense fu costruita nel 1218 utilizzando differenti materiali come ad esempio il travertino, il sasso accapezzato e il mattone. Possiede una pianta a croce latina a tre navate, dalle dimensioni di 72 metri di lunghezza per 21 metri di larghezza, l’abside è composto da sei monofore ed un rosone, creando un’atmosfera di estrema eleganza. La magnificenza dell’edificio dimostra quanto era sentito il culto di San Galgano. Infatti, soprattutto nel XIV secolo, toccò punte di grande sfarzo specialmente per i privilegi imperiali che la tutelavano. Infatti, l’Abbazia di San Galgano fu protetta rispettivamente dagli imperatori Enrico VI, Ottone IV e Federico II. Avendo raggiunto così tanta popolarità, che l’abbazia cominciò ad essere contesa fra Siena e il papato fin quando nel 1506 in seguito a una serie di discussioni tra Papa Giulio II e la città di Siena, venne abolita qualsiasi tipo di celebrazione all’interno della struttura. Da questa data in poi l’Abbazia di San Galgano cominciò il suo lento ma rovinoso declino.

La storia di San Galgano

Chi era San Galgano? Galgano Guidotti, nacque nel 1148 a Chiusdino, un paesino nei pressi di Siena, vicino all’abbazia. Galgano era un cavaliere, e durante la sua adolescenza possedeva un carattere molto presuntuoso e autoritario, ma andando avanti con la sua vita, fatta di violenze e ingiustizie, cominciò a rendersi conto, che c’era qualcosa che non andava, sentiva la sua esistenza inutile e senza motivazioni.

Ad un certo punto, quindi decise di cambiare vita, per andare a rifugiarsi su di una collina di Montesiepi. Qui cominciò a seguire una vita isolata, come se appunto volesse espiare tutti i suoi peccati facendo penitenza, e ricercando continuamente Dio e la pace. Come gesto estremo di rinuncia a tutto quello che era stata la sua vita fino a quel momento, Galgano decise, nel 1181, di conficcare la sua spada all’interno di una roccia che si trovava vicino, con il semplice scopo di utilizzare come croce davanti la quale pregare. Nello stesso anno, il 3 dicembre, Galgano morì, e quattro anni dopo, venne dichiarato Santo dal Papa in carica in quell’epoca, Papa Lucio III.

La spada nella roccia

Al centro della Rotonda di Montesiepi, all’interno di una cappella distante qualche metro dall’Abbazia di San Galgano, si trova quella che si dice sia la spada conficcata da Galgano nella roccia. La leggenda della spada nella roccia si intreccia in maniera interessante con la storia di San Galgano. Infatti, alcuni studiosi hanno riscontrato delle similitudini tra le vicende di questo Santo e le leggende che girano intorno a Re Artù. Sembra che entrambe le storie siano avvenute intorno al XII secolo e inoltre, esistono delle somiglianze tra Galgano e il cavaliere della tavola rotonda, dal nome molto rassomigliante, Galvano. Queste due storie però non sono certificate, sono soltanto ipotesi, l’unico fatto certo è che questa spada esiste, ed è stata appunto incastonata all’interno di una roccia, esattamente come la leggenda narra da secoli.

Il magico mondo del giardino dei tarocchi di Grosseto

Il Giardino dei Tarocchi è un parco che si trova a Garavicchio, vicino a Pescia Fiorentina, una frazione del comune di Capalbio (GR), pensato e progettato dall’artista Niki de Saint Phalle.

Storia del parco

Niki de Saint Phalle ha avuto la prima inspirazione per la creazione di questo parco, in seguito alla visita a Parque Guell, capolavoro dell’artista Antoni Gaudì a Barcellona. Lo sviluppo del progetto del Giardino dei Tarocchi ha preso luogo nel 1979. L’artista ha pensato quest’opera come metafora della magia e dello spiritualismo che ha sempre caratterizzato la sua vita. Nel parco, ella si è impegnata nella realizzazione di ben ventidue smisurate statue, composte di acciaio e cemento e rivestite di specchi, ceramiche colorare e vetri. Niki de Saint Phalle nella realizzazione del parco ha collaborato per oltre diciassette anni con artisti di stampo contemporaneo famosi come Marino Karella, Rico Webe, Alan Davie, Sepp Imhof, Isabelle Le Jeune, Paul Wiedmer, Pierre Marie, Dok van Winsen e in particolare Jean Tinguely, fautore degli esoscheletrici metallici delle statue.

La costruzione del Giardino dei Tarocchi si è conclusa nel 1996, dietro una spesa di circa 10 miliardi di lire, completamente investiti dall’artista creatrice.

L’anno successivo, Niki de Saint Phalle ha istituito la Fondazione Il Giardino dei Tarocchi, con l’unico fine di salvaguardare e tutelare la sua opera. Infine, nel maggio del 1998, il parco è stato finalmente aperto agli spettatori.

Dove si trova il Giardino dei Tarocchi?

Il parco è stato installato sul lato meridionale della collina di Garavicchio. Il giardino, si espande per circa 2 ettari, e ha le dimensioni di una vera piccola cittadina, dove le sculture, rappresentano i punti fondamentali dell’itinerario, mostrandosi in tutti i suoi colori e specchi esuberanti. All’ingresso del Giardino dei Tarocchi si trova una lunga muraglia realizzata da Mario Botta, composta da un doppio muro in tufo, con un’apertura centrale, sbarrata da un cancello. Mario Botta ha ammesso di aver realizzato quest’entrata imperiosa, per rappresentare la metafora di separazione, tra il parco e il mondo fuori. La muraglia viene quindi intesa come un ingresso da oltrepassare per entrare in un mondo totalmente diverso, ricco di calma, colori e serenità, per uscire dalla realtà che caratterizza ogni giorno.

Il Giardino dei Tarocchi

Le figure all’interno del parco rappresentano gli arcani maggiori dei Tarocchi. Ogni statua porta un significato profondo e intrinseco. Questa opera è espressione del punto di arrivo artistico dell’artista Niki de Saint Phalle. I colori delle figure realizzate dall’artista sono molto forti ed estremamente vividi, è come se le statue fossero vestite, ricoperte da un abito colorato che le mette in evidenza. Il Giardino dei Tarocchi è considerata opera unica nel suo genere, e nel 1997 è stata realizzata una mostra all’interno della polveriera Guzman, ad Orbetello, coordinata e gestita da Gianni Pettena e arricchita di un film di Peter Schamonti, sulla biografia di Niki de Saint Phalle. Nel 2006 l’amministrazione comunale di Capalbio ha predisposto l’organizzazione di una mostra all’interno proprio del Giardino dei Tarocchi, con la presenza di oltre 60 opere e documentazioni di collezioni private contenute nel Castello Aldobrandeschi Collacchioni. Il curatore è stato Roberto Aureli, il quale ha lavorato per molti anni con Kini e Tinguely per la presentazione del Giardino.

L’opera è la rappresentazione ineccepibile del dualismo tra architettura e arte. Alcune delle figure all’interno hanno un’altezza di quasi 15 metri, e le più interessanti sono sicuramente, La Ruota della Fortuna, una delle figure semoventi realizzata da Tinguely che si trova al centro di una vasca sotto l’imponente protezione delle due strutture della Papessa e del Mago. Le figure più famose sono anche il Sole, che ha le sembianze di un uccello, l’Impiccato, situato al centro dell’albero della vita, la statua degli Innamorati, rappresentati da Adamo ed Eva impegnati in un pic-nic, e l’Imperatrice sottoforma di sfinge.

Solitamente la durata media della visita al Giardino dei Tarocchi è di circa 40 minuti, ma ovviamente si tratta di un tempo soggettivo, e che cambia in base al visitatore. Il parco è aperto da aprile ad ottobre sempre nel pomeriggio, ed è aperto a tutti. Nel periodo invernale, da novembre e marzo, di norma il Giardino dei Tarocchi apre il primo sabato di ogni mese.

Vieni a scoprire The Mall, l’outlet di lusso della Toscana

The Mall è l’outlet delle marche di lusso che si trova in Toscana (vuoi visitare la toscana? Clicca qui). Qui, sarai immerso nel bellissimo panorama toscano, troverai i brand più prestigiosi dell’alta moda, e un percorso culinario gourmet estremamente interessante per vivere un‘esperienza completa e organica.

L’Outlet The Mall

L’Outlet The Mall è un posto unico dove entrare in contatto con la moda con prezzi molto scontati, senza però perdere di vista la qualità dei prodotti. Questo luogo rappresenta un percorso tra natura, stile, e cucina che non potrai trovare da nessun’altra parte.
The Mall è inserito nel contesto paesaggistico delle colline Toscane, molto vicino a Firenze, a circa 30 minuti di distanza. All’interno dell’outlet potrai acquistare in 40 negozi di marchi diversi, a prezzi convenienti per tutto l’anno.

The Mall è il solo outlet di brand di lusso che racchiude in un unico luogo tutti i marchi più iconici della nostra epoca. Qui oltre allo shopping, potrai trovare numerosi servizi, come una welcome lounge oppure una personal shopper (di cosa stiamo parlando? Leggi qui), per farsi aiutare nella scelta dei capi di abbigliamento da acquistare. L’Outlet The Mall ha ricreato il concept dello shopping, ponendo nel focus di importanza i bisogni e le esigenze dei consumatori. Questo posto è un luogo ideale sia per chi è appassionato di moda ma anche per chi ha voglia di passare un po’ di tempo immerso nella natura del paesaggio toscano.

I brand acquistabili a The Mall

I marchi che potrai trovare nell’outlet The Mall sono: Alberta Ferretti, Alexander McQuenn, Acquazzurra, Balenciaga, Billionaire, Bottega Veneta, Burberry, Chloé, Coach, Corneliani, Dolce & Gabbana, Emilio Pucci, Emporio Armani, Ermanno Scervino, Ermenegildo Zegna, Etro, Fay, Fendi, Cgds, Giorgio Armani, Givenchy, Gucci, Hogan, Jimmy Choo, Loro Piana, Moschino, Philipp Plein, Roberto Cavalli, Saint Laurent, Sutor Mantellassi, Tod’s, Tom Ford, Valentino, Versace.

Cibo e molto altro

Da The Mall potrai trovare anche Toscanino, un ristorante dove provare un percorso gourmet molto originale. Toscanino si divide in due locali diversi, un Ristorante e un Bistrò, e sono entrambi perfetti per fare una pausa durante la tua giornata di shopping, o per concluderla in bellezza. Toscanino si caratterizza da pietanze ottime, realizzate con preparazioni eccellenti ed un servizio ineccepibile, che ti permetterà di assaporare la tradizione, lo studio e l’artigianalità dei cibi. Al Bistrò, totalmente immerso nella natura, potrai rilassarti in un luogo moderno e fresco. Il menù è molto vasto, capace di andare incontro ai gusti di tutti, anche ai palati più sofisticati. Al Bistrò Toscanino potrai rilassarti a tutte le ore della giornata, dalla colazione fino all’aperitivo.

Il ristorante Toscanino invece, ha la struttura di una casa colonica, ed è arredato con mobili di alto artigianato, inoltre è ornato da un bellissimo giardino d’inverno.
Oltre al ristorante, da Toscanino esiste anche una Bottega dove si possono comprare prodotti enogastronomici locali, con vini d’eccezione e di altissima qualità, così che potrai portarti a casa oltre che dei capi di abbigliamento di alta moda, anche un po’ di cultura culinaria.

Per chi ama la cucina esiste l’accademia. L’accademia è appunto una scuola, che permette di partecipare ad una vasta gamma di corsi di cucina a tema per imparare ricette da chef stellati, conoscere nuovi sapori, nuovi abbinamenti, senza però perdere mai di vista la tradizione e la qualità delle materie prime. E per chi invece ama il buon vino, saranno a disposizione numerose degustazioni delle migliori cantine locali, per vivere un percorso culinario a tutto tondo.

Come arrivare

Esiste un servizio autobus diretto che collega la stazione nel centro di Firenze, di Santa Maria Novella a The Mall, e viceversa. La partenza dell’autobus avviene in Via Santa Caterina da Siena 17, molto vicino alla stazione ferroviaria centrale fiorentina. Prezzo del biglietto per una corsa solo andata è di 7.00 €, mentre una corsa andata e ritorno ha un costo di 13,00 €. In auto potrai arrivarci in circa 30 minuti, tramite l’autostrada uscendo a Incisa Reggello.

L’Outlet The Mall è un luogo perfetto per passare una giornata diversa dal solito, per immergerti in un universo caratterizzato dalla moda, dalla natura e dalla buona cucina.

I migliori apicoltori della regione Toscana

Sei un appassionato di miele (vuoi imparare a lavorare il miele? Dai un’occhiata)? Ti piacerebbe visitare un’apicoltura e imparare tutte le tecniche che portano alla creazione di questo alimento dalle tante proprietà e benefici? [...]

leggi tutto

Scopri Pianosa, le sue acque cristalline e la sua storia avvincente.

Pianosa è un’isola che si trova nel mar Tirreno, compresa nell'Arcipelago Toscano. [...]

leggi tutto

I migliori campi da golf della Toscana, per giocare e goderti il paesaggio

Il golf è una tua passione? Enjoing ha selezionato per te alcuni dei migliori campi da golf sparsi per tutta la Toscana, non ti resta che scegliere in quale andare a giocare!

[...]

leggi tutto

Canyon park, avventura e adrenalina immersi nella natura toscana

Ti trovi in Toscana e hai voglia di immergerti nella natura tramite esperienze adrenaliniche e luoghi meravigliosi? Enjoing ti consiglia di passare una giornata al parco avventura Canyon Park. [...]

leggi tutto

Il lago di Bilancino per divertirti nei giorni più caldi

La Toscana è un territorio poliedrico, puoi trovare di tutto, dalle montagne, al mare, al lago, devi solo scegliere. A proposito di laghi noi di Enjoing siamo qui per consigliarti il Lago di Bilancino, per passare una giornata diversa immerso nella natura. [...]

leggi tutto

4 Corsi Online Di Grafica Pubblicitaria Per Diventare Un Professionista

A causa dell’emergenza Corona Virus, sono molti i corsi che non posso più essere seguiti in aula. Se la tua passione è la pubblicità e il graphic designer, e vorresti seguire dei corsi online, direttamente da casa tua, sei capitato sulla pagina giusta. Noi di Enjoing ti vogliamo consigliare quattro corsi di grafica pubblicitaria che puoi reperire facilmente su internet, per crescere professionalmente e culturalmente.

INIZIAMO! [...]

leggi tutto

Castiglioncello, Perla Della Toscana, Spiagge E Cultura

Se ti trovi in Toscana e desideri andare al mare, Castiglioncello è una località molto caratteristica, dall’acqua limpida e le spiagge selvagge, e noi di Enjoing siamo qui per raccontartela nei minimi particolari. [...]

leggi tutto